Parodontite e Piorrea - Denti sani e La Salute dei Denti

Cos'è la parodontite:

è un'infiammazione che riguarda il parodonto, ovvero l'insieme dei tessuti di sostegno dei denti (gengiva, legamento parodontale ed osso) con conseguente formazione di tasche parodontali  (zone di accumulo di batteri  gram negativi). La parodontite o piorrea se non adeguatamente trattata porta alla perdita dei denti, anche se in perfette condizioni  a causa del progressivo riassorbimento dell'osso e del tessuto gengivale che funge da sostegno.

Sintomi della malattia:

  • sanguinamento delle gengive,
  • alitosi,
  • retrazione delle gengive,
  • dolore delle gengive,
  • mobilità dei denti.

 

Cause della parodontite / piorrea:

una scarsa igiene orale è sicuramente uno dei fattori che maggiormente incide sullo sviluppo della malattia parodontale, in quanto determina la concentrazione di placca batterica  che si trasforma poi in tartaro. Il tartaro provoca l'innescarsi di un processo infiammatorio   anche grave  che tende a divenire cronico.

Inizialmente si osserva una semplice gengivite (infiammazione gengivale), se trascurata degenera con la formazione di tasche parodontali  sanguinanti e purulente; nei casi più gravi  i denti interessati  dall'infezione  presentano mobilità.

Quando l'infiammazione cronica   giunge ai tessuti più profondi  del parodonto può distruggere il tessuto connettivale che collega dente e gengiva, provocando il riassorbimento  osseo e la successiva perdita dei denti.

Un'altra possibile  causa  della parodontitopatia (piorrea) è l'ereditarietà, la presenza in famiglia  di casi  di parodontite può indicare un maggior rischio di sviluppare la patologia. In questo caso è opportuno  consultare i medici dello staff dello studio dentistico di Brescia o Desenzano per mettere a punto strategie preventive mirate.

Altri fattori di rischio  sono il tabagismo e le patologie sistemiche tra le quali il diabete. La presenza di malocclusioni  o di otturazioni e/o protesi incongrue favoriscono  l'accumulo di placca  e tartaro  in zone difficilmente raggiungibili dallo spazzolino da denti pertanto rappresentano anch'esse fattori di rischio  da trattare.

Come si cura la parodontite:

fondamentale nel trattamento della piorrea è la tempestività della diagnosi. La terapia dipenderà infatti  dallo stadio raggiunto dalla malattia.

Ad un grado iniziale della parodontite è possibile ottonere discreti risultati con alcune sedute ravvicinate di igiene orale eseguite dalle nostre igieniste  presso gli studi odontoiatrici di Brescia  e Desenzano.

Se lo stadio della parodontopatia (piorrea) è di grado più avanzato, ai trattamenti di igiene professionale profonda si affianca la terapia fotodinamica  eseguita con laser a diodi  ed eventualmente applicazioni di antibiotico locale da inserire direttamente all'interno delle tasche parodontali. I trattamenti con herbium laser sono altrettanto efficaci e vengono utilizzati in alternativa  alla terapia fotodinamica. Negli stadi severi della malattia si dovrà eseguire l'intervento chirurgico di levigatura radicolare  con eventuale  posizionamento  di materiale biocompatibile per favorire la rigenerazione ossea, a ciò si associa un'adeguata terapia antibiotica e probiotica. Nel caso  in cui gli elementi dentari  interessati dall'infezione siano gravemente compromessi si dovrà procedere all'estrazione degli stessi e alla somministrazione di antibiotico. Trascorse dieci settimane dall'avulsione si esegue una tac cone beam presso lo studio odontoiatrico di Brescia per valutare  se le condizioni dell'osso consentono il posizionamento di impianti dentali.

Nel paziente con problemi di gengiviti frequenti  e parodontite è fondamentale eseguire regolarmente controlli  presso i nostri centri  odontoiatrici  di Brescia e Desenzano . Monitorare  la situazione ci consente di arrestare il progredire della malattia  ovvero di intervenire  con tempestività qualora la situazione lo richiedesse.

Parodontopatia:un approccio alternativo

Recenti studi sottolineano lo stretto rapporto fra microbiota intestinale e microbiota del cavo orale. La correlazione è dovuta alla comunicazione fra i vasi linfatici presenti nell'intestino e quelli presenti nel cavo orale. E' ormai da tempo noto che il microbiota intestinale debba considerarsi quale organo aggiunto in grado di garantire l'efficienza del sistema immuno competente umano; in caso di alterazione del microbiota l'immunità viene immediatamente compromessa e possono pertanto insorgere infiammazioni e infezioni tra le quali appunto la malattia parodontale.

La parodontopatia fino a tempi recenti era considerata malattia cronica, non modificabile e trattabile solo con terapie locali.

Attualmente presso i centri odontoiatrici di Brescia e Desenzano è stato ideato dallo staff dei nostri medici un protocollo innovativo per il trattamento e la risoluzione  della piorrea.

Vi è una prima fase diagnostica che prevede l'esecuzione del test delle  intolleranze alimentari in modo da eliminare i cibi che potenzialmente intossicano l'organismo e, eventualmente un esame delle urine per verificare se il paziente soffre di disbiosi intestinale di natura putrefattiva o fermentativa.

Gli esiti dei test vengono studiati dai medici dello staff dei nostri centri odontoiatrici di Brescia e Desenzano e successivamente vengono fornite al paziente indicazioni alimentari (sia in termini di  qualità dei cibi da acquistare che di bilanciamento dei macronutrienti ai pasti principali).

Viene inoltre prescritta una terapia probiotica volta a ricolonizzare la flora batterica intestinale, contribuendo in tal modo a migliorare il quadro clinico infiammatorio in particolare del cavo orale.

Consulta le nostre iniziative all'interno del Progetto Officina di Rieducazione Alimentare realizzato dal nostro studio dentistico sul tema Denti Sani e Alimentazione.