Le tecniche anestesiologiche

Lo studio del dott. Pierantonio Rosi, con la collaborazione del medico anestesista dott. Marco Ardigò, ha perfezionato un'innovativa e raffinata tecnica anestesiologica indirizzata ai piccoli pazienti che non sono ancora in grado di assicurare la collaborazione indispensabile per sottoporsi alle cure dentarie. 
Questa tecnica è frutto della disponibilità di una nuova accessoristica monopaziente finalizzata ad una migliore ossigenazione, combinata a procedure atte ad assicurare una totale sicurezza intraprocedurale.
Il piccolo paziente, dopo essere stato preventivamente valutato dall'anestesista, viene tranquillizzato e reso sonnolento in presenza del genitore, senza traumi gestuali o respiratori. Dopo questa prima fase, il genitore lascia la sala operativa e, non appena il livello di sonno del bambino sarà stato stabilizzato, si potrà dar inizio alle cure odontoiatriche senza che il piccolo possa accorgersi di alcunché.
Ultimata la fase delle cure il risveglio avviiene spontaneamente in pochi minuti e, senza alcuna agitazione o dolore, il bambino potrà fare ritorno a casa.
Questa nuova metodica permette a tutti i bambini, anche ai più piccoli ed ai più compromessi, di risolvere le patologie endorali in tempi brevi, senza traumi e senza spese aggiuntive.